Tecnologie di stampa.
Su ogni progetto
la tecnica ideale.

Stampa rotativa.
Tradizione evoluta.

La stampa a cilindro cavo rappresenta ancora oggi una tecnica importante nel mondo del tessile. Conserva il fascino autentico del passato unendo i progressi degli ultimi decenni che ci hanno permesso ad esempio una grande velocità di produzione. eliminando i difetti di raclatura e di attaccatura del disegno.
La nostra incisione dei cilindri è con metodo tradizionale laser (fotoincisione) o a getto di cera, e la stampa è in applicazione attraverso coloranti reattivi, pigmenti, acidi, basici e dispersi, in base al tipo di fibra. Processi complessi seguiti da tecnici di grande esperienza.

Stampa digitale.
Performance estreme.

Nel campo della stampa digitale Miroglio Textile è tra le poche aziende che può vantare alcune delle migliori ink-jet al mondo tra cui la LarioEVO. Una macchina che stampa in digitale con una altissima definizione di disegni, colori e sfumature su qualsiasi tessuto.
Macchinari di ultima generazione che ci consentono di soddisfare al massimo l’espressività dei designer in termini di qualità e possibilità di personalizzazione, anche per piccoli lotti di prodotto. di appena un metro per cliente.

Stampa waterfree.
Innovazione unica.

La stampa waterfree – chiamata anche sublimatica diretta – è una invenzione brevettata di Miroglio Textile, l’unica azienda sul mercato a utilizzare questa tecnica di stampa.
Mentre con la sublimatica tradizionale la stampa avviene prima sulla carta e poi trasferita sui tessuti attraverso calandre riscaldate, con la sublimatica diretta stampiamo direttamente su tessuti a base poliestere (almeno per il 20%) tramite macchine ink-jet a bobina. Una tecnica molto apprezzata dai nostri clienti per l’economicità e la velocità del processo che non richiede preparazione né finissaggio.

Dopo la stampa,
la cura di ogni dettaglio.

Vaporissaggio

Con il termine vaporissaggio si intendono tutti quei trattamenti – necessari sia nella stampa rotativa che in quella digitale – rivolti a fissare il colorante alla fibra, dopo l’asciugatura del tessuto. Una fase molto delicata perché in base al tessuto da stampare e alla tipologia di colorante corrisponde un preciso minutaggio e temperatura del vaporizzatore. È così che riduciamo al minimo i problemi di resa, vivacità e solidità della colorazione.

Lavaggio

Terminata la fase di vaporissaggio, i tessuti passano al nostro reparto lavaggio. Un altro step fondamentale per eliminare il colore che non si è legato alla fibra e allontanare le tracce di addensanti e ausiliari che compongono la ricetta di stampa.

Finissaggio

Resistenza all’uso, alla luce, al lavaggio domestico, all’acqua, al sudore, allo sfregamento, ecc. I nostri tessuti stampati possono garantire un’ottima solidità anche grazie ai diversi trattamenti di finissaggio – meccanici e chimici – a cui sono sottoposti. Trattamenti che prevedono anche l’applicazione di resine, che migliorano le stabilità dimensionali, o di ammorbidenti per ottenere una determinata mano (secca, liscia, morbida, ecc) in base alle specifiche esigenze del cliente.

Controllo qualità

L’ultima fase prevede la verifica delle caratteristiche del prodotto rispetto ai suoi standard. Controlli visivi e con occhi artificiali per identificare eventuali difetti di stampa, e controlli chimico-fisici di laboratorio, con strumenti in grado di simulare la reazione delle fibre alla luce, al fuoco, e persino a varie tipologie di sudore.
Test di solidità, stabilità e resistenza necessari per realizzare le etichette e certificare ogni singolo tessuto.